Il nostro è un allevamento biologico semi-estensivo di capre da latte che conta circa 70 riproduttori di elevato pregio genetico. Abbiamo infatti cominciato con un gruppo di Camosciate delle alpi iscritte al libro genealogico e intendiamo allevarle sia in purezza, che incrociandole con razze diverse (saanen e maltesi). Gli incroci, già sperimentati negli anni passati, garantiscono, infatti, rispetto alla Camosciata allevata in purezza, non solo elevate produzioni di latte (con una maggiore percentuale di grasso e proteine, più adatto quindi alla trasformazione casearia), ma anche una maggiore rusticità degli animali.

I metodi di allevamento sono rigorosamente naturali e hanno come primo obiettivo il benessere degli animali. La loro alimentazione prevede, oltre al pascolo, la somministrazione di materie prime miscelate (legumi e cereali) e fieno, tutti prodotti all’interno della fattoria, secondo razioni formulate in modo specifico e accurato. Le nostre capre pascolano circa otto ore al giorno dalla primavera all’autunno e, nel periodo invernale, poche ore solo nelle giornate più soleggiate. La quasi totalità del terreno aziendale sarà suddiviso in parcelle pascolative di prati poliennali polifiti. Le parcelle saranno separate l’una dall’altra da recinzioni sovrastate da siepi di essenze locali miste a sviluppo libero. Queste, oltre ad avere un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’agro-ecosistema che vogliamo creare, offrono alle capre una fonte alimentare aggiuntiva ed indispensabile. Le siepi, infatti, costituite da una grande varietà di flora, apportano una ricchezza di elementi nutritivi importanti per una completa alimentazione degli animali, oltre a conferire fragranze e profumi unici al latte e ai derivati. L’alternanza del pascolamento sulle diverse parcelle ci permette anche la produzione di foraggere da taglio per fieno che sarà utilizzato, in parte come base dell’alimentazione degli animali in stalla, e in parte destinato alla vendita presso altre aziende che intendono utilizzare materie prime diverse da quelle ottenute dall’agricoltura convenzionale. Il fieno che produciamo in azienda è infatti certicato biologico.

Alleviamo seguendo i criteri dell’agricoltura biologica e, dove possibile, della medicina omeopatica, non è pertanto previsto l’uso di antibiotici, se non in casi di estrema necessità, o di altre sostanze allopatiche come mezzi terapeutici o promotori di crescita, fatta eccezione per un unico trattamento antiparassitario annuo, effettuato alla messa in asciutta degli animali alternando diversi prodotti per evitare fenomeni di farmaco-resistenza.

I capretti vengono alimentati esclusivamente con latte materno fino alla macellazione o allo svezzamento delle rimonte. Saranno destinati alla macellazione animali maschi di circa 40 giorni di età. Mentre saranno destinate alla vendita come animali da riproduzione caprette tra i 3 e i 6 mesi di età e maschi figli dei soggetti migliori. Per quel che riguarda i capretti destinati alla macellazione, grazie all’alimentazione, alla possibilità di movimento degli animali fin dalla nascita e al mancato uso di antibiotici e farmaci allopatici vari, possiamo garantire carne di pregiata qualità. I soggetti destinati all’allevamento sono frutto di un’attenta e rigida selezione genetica e sono pertanto animali di indiscussa qualità con certificati genealogici che ne attestano anche le produzioni.

La nostra attività produttiva è svolta in un’unica struttura zootecnica, che comprende la zona di stabulazione delle capre, la sala mungitura, il caseificio. Una struttura costruita ex-novo, basata su principi di bioedilizia, e autonoma dal punto di vista energetico: un sistema geotermico e un impianto fotovoltaico e solare termico soddisfano, infatti, le esigenze termiche ed elettriche necessarie alla produzione.